Campagna “Prevenzione e Salute”, il bilancio del dottor Antonio De Pasquale

Campagna “Prevenzione e Salute”, il bilancio del dottor Antonio De Pasquale
Campagna “Prevenzione e Salute”, il bilancio del dottor Antonio De Pasquale

Grande partecipazione per la campagna di informazione e sensibilizzazione dal titolo “Salute e Prevenzione”, ideata dalla Clinica Dentale De Pasquale con l’obiettivo di promuovere la cultura della prevenzione dentale. Lʹiniziativa, che prevedeva un consulto specialistico gratuito e lʹaccesso agevolato al percorso di cura, ha consentito a molte persone di sottoporsi ad una accurata visita di prevenzione per valutare lo stato di salute dei denti e della bocca ed evidenziare la presenza di eventuali patologie, in particolare ai danni dei tessuti gengivali.

Tra quanti hanno aderito alla nostra iniziativa, molti avevano rinunciato alle cure dentali da almeno tre anni – analizza il dottor Antonio De Pasquale, responsabile e direttore sanitario della Clinica Dentale -. L’assenza di una necessaria attività di prevenzione ha rappresentato, per questi pazienti, uno dei fattori determinanti per l’insorgere di una serie di patologie. Se nella metà delle persone visitate è stata riscontrata una gengivite lieve o moderata, un altro 25% è risultato affetto da gengivite grave ed il restante 25% aveva sviluppato una malattia parodontale conclamata. Questi dati sono in linea con lo scenario nazionale disegnato dalla SIdP, Società Italiana di Parodontologia.

 Nel dettaglio, la malattia parodontale si configura come un’infiammazione provocata dai microrganismi che popolano la placca batterica. “Si chiama parodontite – spiega il dottor De Pasquale – perchè colpisce il parodonto (o parontopatia), cioè l’insieme delle strutture che circondano il dente o lo mantengono saldamente attaccato all’osso. Se non viene adeguatamente curata, questa infezione procede in profondità, la gengiva si allontana dal dente creando delle tasche in cui si accumulano i batteri. Progressivamente, il tessuto osseo viene distrutto, i denti perdono il loro supporto fino a diventare mobili. E’ opinione diffusa- prosegue lo specialista – che contro questa malattia, un tempo chiamata piorrea, ci sia ben poco da fare e che sia naturale contrarla se anche i propri genitori ne sono affetti. Ed invece non è così, perché i disturbi delle gengive e dell’osso sottostante possono essere monitorati e prevenuti”.

I sintomi della malattia parondotale sono abbastanza scarsi, pertanto può progredire ed aggravarsi senza che il paziente se ne accorga. “I principali segnali che possono fare sospettare la presenza della malattiaanalizza l’odontoiatra – sono il sanguinamento delle gengive quando si spazzolano i denti o si mangiano cibi duri, le gengive arrossate, gonfie e retratte in tutta la bocca o solo su alcuni denti. Lo stadio successivo è la diffusa mobilità dentale, che è già un sintomo topico della malattia ormai in fase avanzata. Nei casi esaminati nel corso della nostra campagna di prevenzione – prosegue il dottor De Pasquale – le recessioni gengivali hanno rappresentato il campanello d’allarme che li ha spinti a sottoporsi ad una visita specialistica che, nella totalità dei casi, ha confermato la presenza di due o più recessioni gengivali”.

Il consiglio, dunque, è quello di non sottovalutare i primi sintomi e, soprattutto, monitorare costantemente lo stato di salute della propria bocca. “I pazienti che non si erano recati dal dentista per un controllo da parecchi mesi – sottolinea il dottor Antonio De Pasquale – hanno attraversato tutti gli step della malattia: da gengiva sana a malattia parodontale conclamata. Se si fossero sottoposti regolarmente ad un controllo odontoiatrico, avrebbero consentito al dentista di intervenire tempestivamente, fermando l’avanzare della patologia. Alla luce di tutto ciò, è evidente che l’attività di prevenzione non va mai sottovalutata. Ed è questo l’impegno che, insieme ai professionisti della Clinica Dentale De Pasquale, vogliamo portare avanti: informare costantemente i pazienti del nostro territorio sulle buone pratiche da adottare per tenere sempre sotto controllo la propria salute dentale”.

(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','https://www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-93483447-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');