ESTRATTIVA

ESTRATTIVA

L’estrazione di un dente rappresenta, per l’odontoiatra, una scelta da attuare solo in assenza di soluzioni alternative che possano risolvere il problema medico del paziente.

I casi medici più comuni che possono determinare la necessità di estrarre il dente sono:

  • I denti del Giudizio: quando non hanno spazio per erompere in cavità orale e per questo provocano ascessi e dolori. Questa situazione è nota come disodontiasi del terzo molare.
  • Le fratture radicolari: quando la frattura è in senso verticale o in senso orizzontale ma sotto ossea, tale da rendere impossibile il recupero dell’elemento dentale.
  • Le Lesioni Parodontali: quando la perdita di materiale osseo attorno alla radice, a causa della malattia parodontale, non ne garantisce più la corretta funzione.
  • La mancanza di spazio: quando vi è un affollamento della arcata è necessario creare un spazio affinché sia possibile con l’ortodonzia operare un trattamento corretto.
  • I Granulomi apicali: quando trattare un dente affetto da un grosso granuloma non fornisce la certezza di risolvere il problema, è preferibile eliminare il dente.
(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','https://www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-93483447-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');