SEDAZIONE COSCIENTE

SEDAZIONE COSCIENTE

La sedazione cosciente per via inalatoria rappresenta per il paziente una situazione di piacevole rilassamento psichico e muscolare con mantenimento della collaborazione attiva.

La maggiore indicazione resta, naturalmente, il trattamento della paura e dell’ansia connesse con la terapia praticata. Se non fosse per i rari casi di incompatibilità soggettiva, la sedazione inalatoria viene considerata, di fatto, la miglior tecnica di sedazione per il trattamento delle angosce derivanti da un trattamento odontoiatrico.

La scomparsa dell’ansia, unita ad una sensazione di piacevole rilassamento, ad un innalzamento della soglia del dolore, ad un’importante diminuzione del riflesso faringeo e una serie di altre sintomatologie non trascurabili,  (quali la stabilizzazione del battito cardiaco e della pressione arteriosa, la contrazione temporale, il non ricordo del dolore e del suo accumulo), fanno della sedazione cosciente inalatoria la tecnica sedativa più vicina a quella ideale.

In odontoiatria la somministrazione di protossido d’azoto e ossigeno viene effettuata attraverso una mascherina nasale, con l’utilizzo delle moderne apparecchiature elettroniche – sedation machines –  appositamente tarate. La tecnica trova indicazione in tutti gli interventi odontoiatrici, dalla semplice detartrasi ai più complessi interventi di chirurgia orale, trovando le maggiori applicazioni in quei pazienti che manifestano un elevato livello di ansia e nei trattamenti particolarmente lunghi, con l’effetto di migliorare il livello esecutivo e abbreviando considerevolmente i tempi delle operazioni.

I vantaggi per l’operatore sono molti: la semplicità della metodica, l’induzione veloce e la rapida eliminazione della sostanza che consente al paziente di lasciare lo studio subito dopo l’intervento. Va inoltre sottolineata la sicurezza della tecnica che garantisce il mantenimento della coscienza e dei riflessi tutelari del paziente, in un contesto di assoluta mancanza di rischi.

(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','https://www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-93483447-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');